Contenuto sponsorizzato

Lapide per i martiri delle foibe. Moranduzzo: ''Rubata. Mondo pieno di matti'' ma è in manutenzione

Ieri CasaPound ha posto il problema chiedendo al Comune se fosse stata rubata o fosse in manutenzione. Il consigliere provinciale leghista non ha avuto dubbi e invece è in restauro in vista della giornata di ricordo del 10 febbraio

Di L.P. - 20 gennaio 2019 - 16:40

TRENTO. Hanno tutti gridato ''al ladro'' ma in realtà la targa che ricorda i martiri delle foibe di Largo Pigarelli è in manutenzione.

 

Lo annuncia il Comune di Treno dopo che ieri CasaPound ne aveva denunciato sui social la ''scomparsa'' e altri, come il consigliere provinciale della Lega Devid Moranduzzo, avevano subito gridato al furto quando sarebbe bastata una telefonata, tra l'altro da ex consigliere comunale proprio nel capoluogo conserverà anche qualche numero di telefono si immagina, per avere conferme o smentite.
 

In passato la lapide era stata oggetto di vandalismi e quindi in molti hanno pensato a un nuovo furto. CasaPound ha chiesto spiegazioni e il Comune oggi comunica che è stata tolta dal piedistallo per ripulirla in vista del 10 febbraio quando ricorrerà la giornata di ricordo delle vittime delle foibe.

 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 febbraio - 05:01

Dopo due estati di accese battaglie tra "Green days" e accesso a numero chiuso, il Comitato per la salvaguardia dei passi dolomiti incassa il successo. Finazzer: "Una buona notizia, ma non abbassiamo la guardia". Per la vignetta potrebbe servire il via libera anche del Veneto

19 febbraio - 18:02

Il covo della cellula è stato individuato in una casa isolata a Bosco di Civezzano. Questo il luogo dove falsificavano i documenti  per garantirsi la clandestinità e progettare atti di eversione in Italia e all’estero

19 febbraio - 19:56

I risultati arrivati dalla piattaforma Rousseau sull'autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini non sono stati quelli che gran parte del M5S in Trentino si aspettava. Per il consigliere Degasperi "Non si possono cambiare le regole quando non piacciono e tenere quelle che fanno più comodo". Per Alex Marini: "Sarebbe stato preferibile il ministro Salvini avesse potuto difendere il proprio operato di fronte ad un giudice"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato