Contenuto sponsorizzato

Messner d'accordo sulla funivia Trento-Bondone: ''Soluzione eco-sostenibile. Anche il tunnel del Brennero va fatto''

L'intervista al re degli ottomila tra grandi carnivori, infrastrutture, maltempo, agricoltura e pastorizia: "Serve una pace sociale. I portatori di interesse devono trovare un punto di accordo. Lupi e orsi sono una ricchezza, ma servono buone politiche e il contadino può accettare compromessi"

Di Luca Andreazza - 13 febbraio 2019 - 05:01

TRENTO. "Legare la città di Trento al Monte Bondone tramite una funivia è una buona idea", queste le parole del re degli ottomila, Reinhold Messner, che aggiunge: "Il collegamento fondovalle-montagna può essere una soluzione eco-sostenibile per rivedere il concetto ambientale, cioè togliere traffico e inquinamento lungo la strada".

 

Nel frattempo la petizione lanciata mercoledì 6 febbraio sulla piattaforma change.org (Qui articolo), una sottoscrizione del "Manifesto funivia Trento-Monte Bondone" per dire "Sì" al grande impianto, è riuscita a sfondare il muro delle 3.500 firme (Qui info e petizione).

 

Intanto per venerdì 15 febbraio è in calendario una commissione consiliare urbanistica in materia Bondone tra studio di fattibilità sulla funivia, audizione di Fulvio Rigotti (presidente di Trento Funivie e vice presidente di Trentino sviluppo), Gianni Baldessari (direttore area impianti turistici di Trentino sviluppo), Umberto Martini dell'Università di Trento e il dottore commercialista Massimiliano Andreatta. Un prologo dell'incontro del 12 marzo (se non slitta) per un tavolo a tutto tondo tra matserplan, funivia, ascensore a lievitazione magnetica, sviluppo, ambiente, economia e turismo. L'intento è quello di arrivare a tracciare una linea, fondamentale e strategica, nel prossimo Prg, altrimenti tutto diventa nuovamente inutile e i privati potrebbero restare lontani.

 

Messner, si parla ormai da un secolo del collegamento Trento-Monte Bondone. Un dibattito che si è riacceso in tempi più recenti. Un'altra opportunità potrebbe essere la funivia Rovereto-Folgaria (Qui articolo). In Alto Adige ci avete creduto fin da subito in queste infrastrutture, mentre il riferimento è soprattutto Innsbruck.

La funivia Trento-Bondone può essere un'ottima idea. In questo modo si può ridurre il traffico, sono ormai tantissime le ipotesi. E' chiaro che ci vuole equilibrio tra flussi turistici e la montagna, non si deve snaturare l'ambiente perché tranquillità e silenzio sono imprescindibili, ma il collegamento sarebbe certamente importante anche per evitare il rischio spopolamento. Il turismo può aiutare a restare in quota.

 

L'Alto Adige e il Trentino reggono ancora rispetto a Lombardia, Veneto e alle aree a sud delle Alpi, ma non si può restare a guardare. Pastorizia e coltivazioni sono fondamentali per tutela e valorizzazione di territorio e paesaggio. Si deve poi considerare il cambiamento climatico a causa degli effetti nel mondo. Qui siamo stati attenti e, anche se non siamo perfetti, si è lavorato bene per limitare nel nostro piccolo i danni.

 

Un'altra opera necessaria è il tunnel del Brennero: il futuro è togliere il traffico pesante da gomma e puntare sulla rotaia. Si deve incentivare l'economia, altrimenti restiamo tagliati fuori e rischiamo di crollare. 

 

Un equilibrio tra turismo, montagna e agricoltura per il futuro dei nostri territori. Un'altra questione è il rapporto grandi carnivori e antropizzazione.

La politica ha la responsabilità di proporre le giuste soluzioni, ma si deve ritrovare prima di tutto una pace sociale e un percorso culturale: agricoltori, ambientalisti e le altre realtà portatori di interesse devono aprire un confronto per cercare punti in comune.

 

Oggi si possono monitorare i branchi e gestire meglio questa problematica tra leggi e controlli. Gli animali seguono l'istinto, mentre gli agricoltori l'emozione di vedere una pecora sbranata, comunque si affezionano e vogliono bene ai loro animali. Guardate che i contadini sono disposti ad accettare lupi e orsi, ma in presenza di visioni politiche serie e lungimiranti. I grandi carnivori sono una ricchezza, ma se diventano troppo aggressivi non ci si deve scandalizzare della possibilità di abbatterli. 

 

Una partita aperta è quella legata all'ondata del maltempo e agli alberi schiantati. Tra le proposte, il consigliere provinciale Michele Dallapiccola dice di riconvertire alcune zone a pastorizia e agricoltura (Qui articolo). Dagli anni '80 siamo passati a un modello di allevamento con grandi stalle e fieno importato. Adesso in Trentino abbiamo 50.000 mucche per 1.200 proprietari mentre in Alto Adige 100.000 mucche e 12.000 proprietari.

In Alto Adige ormai non abbiamo più spazi e ogni tanto sconfiniamo nel bellunese. Una politica lungimirante dell'ex presidente Luis Durnwalder. I settori di agricoltura e pastorizia sono importanti per tutelare il territorio.

 

Indubbiamente anche il bosco è fondamentale perché conferisce stabilità e se ha attecchito bisogna lasciare perdere. In Trentino però avete ancora tante aree da valorizzare prima che sia troppo tardi e che le zone boschive avanzino. Certo, la politica può fare ancora molto per incentivare l'agricoltura di montagna e salvaguardare l'ambiente montano. 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 febbraio - 05:01

Dopo due estati di accese battaglie tra "Green days" e accesso a numero chiuso, il Comitato per la salvaguardia dei passi dolomiti incassa il successo. Finazzer: "Una buona notizia, ma non abbassiamo la guardia". Per la vignetta potrebbe servire il via libera anche del Veneto

19 febbraio - 18:02

Il covo della cellula è stato individuato in una casa isolata a Bosco di Civezzano. Questo il luogo dove falsificavano i documenti  per garantirsi la clandestinità e progettare atti di eversione in Italia e all’estero

19 febbraio - 19:56

I risultati arrivati dalla piattaforma Rousseau sull'autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini non sono stati quelli che gran parte del M5S in Trentino si aspettava. Per il consigliere Degasperi "Non si possono cambiare le regole quando non piacciono e tenere quelle che fanno più comodo". Per Alex Marini: "Sarebbe stato preferibile il ministro Salvini avesse potuto difendere il proprio operato di fronte ad un giudice"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato