Contenuto sponsorizzato

Occhi puntati al cielo, è in arrivo l'eclissi lunare. Ecco come e quando vederla

E' atteso il 21 gennaio il primo evento celeste del 2019. La luna si troverà nel punto più vicino alla terra. L'eclissi sarà dalle 5,41 alle 6,44 

Pubblicato il - 18 gennaio 2019 - 09:06

TRENTO. Basterà una buona vista per ammirare il primo evento celeste del 2019, nuvole permettendo. Stiamo parlando dell'eclissi di luna che si vedrà tra tre giorni, lunedì 21 gennaio, e sarà ben visibile anche dall'Italia.

 

L'evento ha preso il nome di “Luna rossa” proprio per la colorazione che la luna assumerà e che sarà visibile nella fase totale dell'eclissi tra le 5,41 alle 6,44 del mattino.

 

E' un evento molto atteso anche perché la prossima eclisse totale di Luna avverrà tra 9 anni 11 mesi e 10 giorni e cioè il 31 dicembre del 2028.

 

L’eclissi è un fenomeno che si verifica quando il Sole, la Terra e la Luna sono allineati e quindi, spiegano gli astrofisici, la Terra, nascondendo la luce del Sole alla Luna, proietta su di essa un cono di penombra ed un cono d’ombra, che sono coassiali. A differenza di quella solare, l’eclissi lunare non rende il cielo buio ma dona alla Luna un colore rosso intenso.

 

Se le condizioni meteo non dovessero permettere la visione dell'eclissi, ci si potrà sempre collegare alla diretta streaming del Virtualtelescope, a partire dalle quattro e mezza del 21 gennaio.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 aprile - 12:47
Questa pratica di utilizzare i teli è stata sperimentata nel 2011 sul ghiacciaio Presena sul Tonale. Un provvedimento importante, ma non risolutivo, ormai i ghiacciai si ritirano in modo sempre più evidente e veloce. Serve in particolare per salvare la stagione invernale
26 aprile - 06:01

Magari sono studenti "fuori corso", ma sembra che ognuno abbia il suo compito, c'è quello che gestisce e controlla dall'esterno, un palo all'interno per monitorare gli spostamenti degli uomini della sicurezza e quindi solitamente in cortile ecco il mercato, si contratta e acquista

25 aprile - 21:44

Tra i primi, in assoluto, a mobiliarsi per intercettare possibili radiazioni scese in campo il laboratorio di Fisica atomica e molecolare della Facoltà di Scienze di Povo, sopra Trento. Il professore Zecca: "Il ruolo degli scienziati è essenziale per rilevare e divulgare possibili – anche minimi, quasi impercettibili – pericoli per la qualità della nostra vita"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato