Contenuto sponsorizzato

San Valentino? Oggi puoi dare il nome dell'ex a una blatta

La singolare iniziativa di uno zoo in Inghilterra. Basta una sterlina e cinquanta centesima e a casa arriva anche un certificato di adesione

Pubblicato il - 13 febbraio 2019 - 21:07

TRENTO. "Quelle persone che non hanno proprio bisogno di vendetta, possono avere comunque un modo per sentirsi meglio a San Valentino: possono dare il nome dell'ex a una blatta", questa la singolare iniziativa di uno zoo a Fairset in Inghilterra (Qui info). 

 

E basta davvero poco, una sterlina e cinquanta centesimi e l'Hamsley conservation centre mette a disposizione gli insetti e inviano un certificato a testimoniare l'adesione a questa iniziativa.

 

La realtà inglese assicura però il massimo riserbo, il certificato non riporta il nome della blatta per mantenere un segreto e non creare spiacevoli incomprensioni, ma il nominativo assegnato apparirà sul recinto degli scarafaggi e nell'archivio dello zoo.

 

Non solo gli ex nel mirino, nominare un insetto può essere anche un simpatico regalo per qualche amico e farsi qualche risata.

 

Insomma, non resta che scatenare ricordi, compilare il modulo e preparare la carta di credito.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 febbraio - 05:01

Dopo due estati di accese battaglie tra "Green days" e accesso a numero chiuso, il Comitato per la salvaguardia dei passi dolomiti incassa il successo. Finazzer: "Una buona notizia, ma non abbassiamo la guardia". Per la vignetta potrebbe servire il via libera anche del Veneto

19 febbraio - 18:02

Il covo della cellula è stato individuato in una casa isolata a Bosco di Civezzano. Questo il luogo dove falsificavano i documenti  per garantirsi la clandestinità e progettare atti di eversione in Italia e all’estero

19 febbraio - 19:56

I risultati arrivati dalla piattaforma Rousseau sull'autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini non sono stati quelli che gran parte del M5S in Trentino si aspettava. Per il consigliere Degasperi "Non si possono cambiare le regole quando non piacciono e tenere quelle che fanno più comodo". Per Alex Marini: "Sarebbe stato preferibile il ministro Salvini avesse potuto difendere il proprio operato di fronte ad un giudice"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato