Contenuto sponsorizzato

San Valentino? Oggi puoi dare il nome dell'ex a una blatta

La singolare iniziativa di uno zoo in Inghilterra. Basta una sterlina e cinquanta centesimi e a casa arriva anche un certificato di adesione

Pubblicato il - 13 febbraio 2019 - 21:07

TRENTO. "Quelle persone che non hanno proprio bisogno di vendetta, possono avere comunque un modo per sentirsi meglio a San Valentino: possono dare il nome dell'ex a una blatta", questa la singolare iniziativa di uno zoo a Fairset in Inghilterra (Qui info). 

 

E basta davvero poco, una sterlina e cinquanta centesimi e l'Hamsley conservation centre mette a disposizione gli insetti e inviano un certificato a testimoniare l'adesione a questa iniziativa.

 

La realtà inglese assicura però il massimo riserbo, il certificato non riporta il nome della blatta per mantenere un segreto e non creare spiacevoli incomprensioni, ma il nominativo assegnato apparirà sul recinto degli scarafaggi e nell'archivio dello zoo.

 

Non solo gli ex nel mirino, nominare un insetto può essere anche un simpatico regalo per qualche amico e farsi qualche risata.

 

Insomma, non resta che scatenare ricordi, compilare il modulo e preparare la carta di credito.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 aprile - 12:47
Questa pratica di utilizzare i teli è stata sperimentata nel 2011 sul ghiacciaio Presena sul Tonale. Un provvedimento importante, ma non risolutivo, ormai i ghiacciai si ritirano in modo sempre più evidente e veloce. Serve in particolare per salvare la stagione invernale
26 aprile - 06:01

Magari sono studenti "fuori corso", ma sembra che ognuno abbia il suo compito, c'è quello che gestisce e controlla dall'esterno, un palo all'interno per monitorare gli spostamenti degli uomini della sicurezza e quindi solitamente in cortile ecco il mercato, si contratta e acquista

25 aprile - 21:44

Tra i primi, in assoluto, a mobiliarsi per intercettare possibili radiazioni scese in campo il laboratorio di Fisica atomica e molecolare della Facoltà di Scienze di Povo, sopra Trento. Il professore Zecca: "Il ruolo degli scienziati è essenziale per rilevare e divulgare possibili – anche minimi, quasi impercettibili – pericoli per la qualità della nostra vita"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato