Contenuto sponsorizzato

Cercasi accompagnatori per il "pedibus" di Ala per una ripartenza a settembre anti contagio e amica dell'ambiente

Il Comune di Ala invita le famiglie non solo ad iscrivere il proprio figlio al "pedibus", ma anche a proporsi come volontari per rafforzare questo progetto rivolto ai bambini della primaria

Pubblicato il - 03 luglio 2020 - 11:17

ALA. Cercasi volontari per il "pedibus" nel Comune di Ala per il prossimo anno scolastico. Si tratta della primaria di Ala e di quella di Serravalle, ciascuna con una "linea", ovvero un percorso prestabilito lungo il centro abitato, lungo il quale i bambini vengono accompagnati a piedi a scuola.

 

Ogni linea è seguita da dei volontari, tra cui molti genitori, che si alternano di giorno in giorno, tutte le mattine dei giorni di scuola, per il percorso d'andata. In totale sono una quindicina i volontari, figure essenziali per il progetto. Gli obiettivi sono molteplici: disincentivare l'uso dell'auto privata per accompagnare i figli a scuola riducendo inquinamento e pericoli, insegnare ai bambini ad essere autonomi e a preferire “mezzi di trasporto” puliti, garantire la puntualità degli scolari, garantire la loro sicurezza e abituarli a fare movimento. Con le norme anti-contagio, probabilmente servizi come il pedibus diverranno ancora più importanti.

 

La “linea” pedibus di Ala partiva da parco Perlè; da settembre la linea si allunga e partirà da San Martino. Passando da parco Perlè e, attraversando il centro, arriva fino davanti alla primaria. A Serravalle c'è una linea che parte da via Coni Zugna. Funziona davvero come un autobus, con orari precisi di fermata e percorsi prestabiliti: per i bambini è un gioco divertente e istruttivo.

 

L'istituto comprensivo ha pubblicato sul suo sito un modulo per raccogliere le adesioni al pedibus per l'anno scolastico 2020/21 e la disponibilità a proporsi come volontari accompagnatori, importante quest'ultima per attivare nuovi percorsi. Solo se ci sarà un numero sufficiente di adesioni e di volontari si potrà pensare ad attivare nuove linee.

 

“L'amministrazione sostiene e caldeggia il pedibus – commenta la vicesindaca Antonella Tomasi – soprattutto in vista del nuovo anno scolastico. Le persone, in conseguenza della pandemia, si muoveranno in modo diverso, probabilmente non sarà possibile “riempire” gli scuolabus come in passato, e sarà importante far sì che più bambini possibile si spostino a piedi o comunque in maniera sostenibile, e non sulle auto dei loro genitori”.

 

L'amministrazione di Ala sostiene con convinzione questo progetto dell'istituto comprensivo, e paga l'assicurazione per i volontari.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 agosto - 15:59

La comunità di frati francescani è presente nel paese dal 1685, quando occuparono l’antico podere un tempo appartenuto ai Conti del Tirolo. All'origine di questa scelta c'è la carenza di vocazioni. Don Albino ha scritto una lettera dove spiega la situazione e auspica che non ci siano interventi speculativi sulla struttura

04 agosto - 12:47

Nessuno ha rubato il campo da calcio a nessuno (l'evento è stato autorizzato dal Comune e dalla società sportiva), nessuno ha sgozzato animali sul campo da gioco, tutti hanno rispettato le norme anti-Covid e anche di più (compresi i bambini). Youness Et Tahiri, 22enne del posto, nato in Italia da genitori marocchini, ci racconta cosa è successo dalle 7 del mattino alle 9 di venerdì scorso (rispondendo agli insulti di chi ha commentato sotto il post della candidata sindaca)

04 agosto - 15:03

E' successo alle 10 di questa mattina, dopo aver capito che in cassa non era presente denaro, l'uomo è uscito dalla banca per poi allontanarsi a piedi verso il centro della città

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato