Contenuto sponsorizzato

E' Loris Bodo il nuovo allenatore del Trento, prevale la soluzione interna

Dopo il "taglio" di Luciano De Paola e Erminio Gizzarelli, l'ex tecnico del Mezzocorona è chiamato a risollevare le sorti del sodalizio di via Sanseverino

Di L.A. - 14 gennaio 2019 - 20:22

TRENTO. E' Loris Bodo il nuovo tecnico del Trento. Alla fine in società ha prevalso la soluzione interna, senza ulteriori scossoni dopo il taglio di allenatore e direttore sportivo (Qui articolo). La scelta forse più sicura e che potrebbe garantire le maggiori chance per cercare una salvezza complicata in serie D. Difficile a questo punto della stagione pensare ad un terzo tecnico che avrebbe dovuto conoscere l'ambiente e cercare di adattarsi alla rosa, costruita prima per Claudio Rastelli e poi rimaneggiata per Luciano De Paola

 

Dopo aver sconfitto la "concorrenza" di Ricardo Chéu, che si è dimesso a Rieti, e Franco Lerda (ex Vicenza), così come l'altra soluzione "in casa" di Massimiliano CaliariClaudio Rastelli, ancora sotto contratto con il Trento, e Alberto Cavasin, il tecnico classe 1959, già responsabile del settore giovanile e allenatore della formazione Allievi Elite, è chiamato a far ripartire il Trento in campionato fermo a 13 punti e reduce dal disastro interno contro il Sandonà e un andamento opaco.   

 

Dopo una carriera da giocatore tra campionati professionistici e dilettantistici, inizia nel 1993 la propria carriera d'allenatore all'interno del settore giovanile del Due Carrare, successivamente passa a Luparense e Cittadella

 

Dopo queste esperienze si misura tra i professionisti, la prima tappa in C2 al Sandonà per ricoprire il ruolo di vice allenatore e preparatore dei portieri. Rientra poi al Cittadella per svolgere il ruolo di "secondo" di Rolando Maran per cinque stagioni. Segue l'allenatore trentino anche nell'avventura di Brescia.

 

Rientra al Cittadella dove diventa responsabile del settore giovanile per tre stagioni, mentre si trasferisce nel Vicenza in qualità di responsabile degli osservatori.

 

Arriva poi l'esperienza in Trentino. Stazione Mezzocorona per quattro stagioni: nelle prime due guida le formazioni Giovanissimi e Allievi Nazionali, poi diventa responsabile del settore giovanile e allenatore della formazione Juniores Nazionale: vince il titolo italiano di categoria e guida la prima squadra alla salvezza in serie D

 

Dopo un'annata all'Altovicentino in qualità di responsabile tecnico del settore giovanile, questo prima dell'approdo nel 2015 al Trento. In carriera è stato anche il commissario tecnico della Rappresentativa under 18 del Veneto, un percorso impreziosito da cinque titoli italiani al "Torneo delle Regioni" e un'edizione della "Region Cup" (manifestazione europea riservata alle squadre vincitrici dei titoli nazionali), conquistando anche la "Coppa Fair Play".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 aprile - 19:50

Salvini in conferenza stampa aveva spiegato che i sindaci di Trento e Bolzano avevano scelto di non utilizzare i finanziamenti del pacchetto "Scuole sicure". Il sindaco Andreatta: "Non ho mai rinunciato,  Trento ha già molte telecamere anche vicino le scuole e i soldi li possiamo usare per progetti culturali di sensibilizzazione sui pericoli che derivano dall'uso di sostanze stupefacenti

23 aprile - 13:09

Da Pinzolo il vicepremier rassicura sull'autonomia, difende il sindaco Cereghini e rilancia la Valdastico. Fiducia alta per la chiamata alle urne del 26 maggio: "Ci aspetta ancora tanto lavoro per rimediare a 50 anni di centrosinistra, ma il cambiamento in Trentino già si vede e la conferma arriverà alle prossime elezioni"

23 aprile - 15:47

Fino a domenica 28 i treni saranno sostituiti con autobus rispettando gli stessi orari ferroviari

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato